Come gestire l'ansia?
Ecco 5 semplici consigli

immagine ragazza sola, folla, ansia
L'ansia è una moderna piaga della nostra società. La buona notizia è che si può sconfiggere facilmente.

“Che ansia!”… Questa parolina diabolica si trova oramai sulla bocca di molte persone, quasi fosse diventata di moda. Sempre più giovani ne soffrono in forme più o meno gravi, arrivando persino a sfociare negli attacchi di panico. Il periodo storico che abbiamo il privilegio di vivere in prima persona certamente non aiuta… Ma facciamo un po’ di ordine.

Che cos'è l'ansia?

L’ansia si presenta in varie forme e possiede molte sfumature ma di per sé è una forte preoccupazione/paura non necessariamente legata ad una motivazione ben definita. È una forte inquietudine molto difficile da controllare e, a lungo andare, può portare a delle conseguenze che rendono ancor più difficoltosa la nostra già impegnativa quotidianità.

I sintomi principali di uno stato di ansia sono: aumento della frequenza cardiaca, palpitazioni, tremore, nausea, vertigini, formicolio alle estremità e intorno alla bocca, sudorazione, tensione. Le occasioni durante le quali possono presentarsi questi segni sono numerose e molto soggettive: dal parlare in pubblico al salire sull’autobus, dal sostenere un esame in aula al confronto col capo. 

Ma quindi cosa posso fare per combattere questa orribile sensazione?

5 consigli per sconfiggere l'ansia

1. Fermati e ricordati di respirare

Chiudi gli occhi, appoggia una mano sul petto e l’altra sulla fronte, concentrati sul tuo respiro cercando di renderlo il più profondo possibile.

2. Osserva la situazione

Immagina di essere al cinema a guardare un film del quale tu sei il regista. Osserva nei minimi dettagli cosa ti circonda, cosa accade nella scena e sii anche un po’ critica. Prova ad individuare qual è stato secondo te il fattore scatenante della tua ansia in quel preciso istante.

3. Tieni un diario

Annota sulla carta le sensazioni che hai vissuto durante la crisi d’ansia, rileggendole a mente fredda avrai modo di esaminare la situazione sotto una diversa prospettiva, accrescendo così la tua consapevolezza e avviando di conseguenza un processo di auto-guarigione.

4. Fissa degli obiettivi

Ogni settimana, ad esempio la domenica sera, scrivi in forma di affermazione gli obiettivi che ti prefiggi di raggiungere. Utilizza degli obiettivi brevi, realistici (ricorda che devi essere in grado di raggiungerli in poco tempo) e formulati in modo positivo (non scrivere “non soffrirò più di ansia durante un esame”, il nostro cervello non funziona così, prova con “durante un esame mi sentirò tranquilla e in grado di ricordare quanto ho studiato”).

5. Fai delle meditazioni guidate

Ritagliati un momento durante la giornata (al mattino prima di iniziare la giornata oppure la sera prima di addormentarti) da dedicare alla meditazione: lo scopo è allenare il tuo corpo e la tua mente a liberarsi da ogni pensiero non desiderato. 

A proposito lo sapevi che il cervello umano viene attraversato mediamente da 70’000 pensieri in una giornata? Forse è il caso di riprendere il controllo, che ne pensi?

e se tutto questo non basta?

Hai provato a seguire le tecniche che ti ho suggerito ma l’ansia non ti abbandona? Un percorso personalizzato di crescita personale o delle sedute di ipnosi contribuiscono rapidamente a migliorare il tuo benessere riducendo considerevolmente i tuoi livelli di ansia già dal primo incontro. Ricorda, ogni disturbo che si manifesta ha un nome ed un cognome.